Cicheti di bacalà, sarde e bisi: “Andar a cicheti” e “Ir de tapas”

Cicheti di bacalà, sarde e bisi: "Andar a cicheti" e "Ir de tapas"I cicheti: ecco qualche è stata la prima parola che mi è venuta in mente appena ho letto della sfida lanciata questo mese da Mai per sfida n° 60 di MTChallenge.

Catalana di origine, Mai, ci ha voluto sfidare a realizzare tapas, pinchos e montaditos, tre ricette da servire assieme unite tra loro da un filo conduttore. Alla fine del testo di presentazione della sfida io mi sono ritrovata con un unica frase in mente: “tutto il mondo è paese”. L’espressione in sé starebbe ad indicare che i nostri sentimenti, emozioni e debolezze sono uguali indipendente da dove viviamo: io credo, tuttavia, che in alcuni casi valga anche per la cucina. O perlomeno vale in questo caso:  c’è chi dice che ci sono anche indiscutibili similitudini tra il dialetto veneto e lo spagnolo 😉

Le analogie tra la lingua castigliana e il dialetto veneziano sono riconosciute anche da chi le lingue ed i dialetti locali li studia: tuttavia queste come le origini di tapas e cicheti sembrano più che altro similitudini.

“Andar a cicheti” e “Ir de tapas”

I cicheti sono spuntini nati per “assorbire il vino” delle “ombre”, bicchieri di bianco, consumati a Rialto durante gli scambi commerciali: i mercanti erano soliti festeggiare la conclusione di un affare con un bicchiere di vino. 
Le tapas sono nate per soddisfare un’esigenza: re Alfonso X, detto “Il saggio”, decise che nei ristoranti della Castiglia si dovesse servire il vino accompagnato da un pó di cibo, per impedire che i commensali di inebriassero facilmente. 

Il filo conduttore: Mai dice Tapas, io dico cicheti 😉

Ed ecco dunque un piatto con gli immancabili della cucina veneziana: il baccalà mantecato, le sarde in saor con la polenta e risi e Bisi 😉

Le porzioni sono ridotte e con un piatto di cicheti non si fa un pasto, tuttavia non si è poi così lontano da esso. Baccalà e sarde sono una buona fonte di proteine ad elevato valore biologico, il pane, sebbene in quantità ridotta, come il riso, i piselli e la polenta apportano una buona quantità di carboidrati. Questi cicheti sono un piacere da concludere con una abbondante porzione di verdura fresca mista condita con succo di limone e un trito di erbe aromatiche, nel rispetto del piacere del gusto e della dieta mediterranea equilibrata 😉

 

banner-tapas

Leggi tutto… »

Mistofrigo.it è l`unico che di ogni ricetta ti mostra anche il menu completo. Clicca qui e scegli una ricetta

Risi e bisi, sarde in saor e bacalà mantecato

  • Tempo di Preparazione:
  • Tempo di Cottura:
  • Tempo Totale:
  • Porzioni: 4
  • Difficoltà: easy

Come Fare:

Risi e bisi
  • Lessa i piselli in una pentola d’acqua leggermente salata. Fai bollire per 20 minuti circa quindi scola.
  • Fai imbiondire la cipolla in olio extra vergine di oliva, quindi unisci i piselli e il riso. Fai tostare, unisci il vino bianco e fai sfumare mescolando bene.
  • A questo punto inizia con l’aggiunta del brodo. Aggiungi un mestolo per volta quindi fai asciugare mescolando. A fine cottora, dopo circa 15-18 minuti fai mantecare con il formaggio grana grattugiato di fresco e servi caldo.aggiungendo i piselli interi, per decorare.
  • Sarde in saor con la polenta
  • Infarina le sarde e friggile in olio di arachide ben caldo, avendo cura di tenere controllata la temperatura.
  • Raccogli le sarde con una schiumarola su un piatto coperto con carta assorbente e lascia raffreddare.
  • Taglia finemente la cipolla e cucinala a “mezzo coperchio” con 2 cucchiai di olio di oliva extravergine di oliva, e pepe.
  • Quando sarà cotta aggiungi poco aceto, alza il fuoco e fai evaporare.
  • Fai raffreddare la cipolla nel tegame dove l’hai cotta.
  • Quando anche la cipolla sarà ben fredda forma in un contenitore degli strati:, prima di cipolla, poi di sarde, e avanti così.
  • Lascia riposare in frigo almeno per una notte prima di servire.
  • Servi la sarda tagliata su un pezzetto di polenta e ferma “il cicheto” con uno stuzzicadenti.
  • Bacalà mantecato
  • Metti il baccalà in una pentola antiaderente e coprilo con acqua fredda. Porta ad ebollizione e cuoci il baccalà per circa 20 minuti con l’aglio. “Manteca” la polpa del baccalà con un cucchiaio di legno, unisci a filo l’olio e mescola fino ad ottenere una crema omogenea.
  • Servi su un crostino di pane al naturale.

Ingredienti:

  • Risi e bisi
  • 240 g di riso vialone nano
  • 300 g di piselli sgranati
  • 60 g di cipolla bianca finemente sminuzzata
  • 100 ml di vino bianco secco
  • 20 g di formaggio grana grattugiato di fresco
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 800 ml di brodo vegetale caldo
  • Sarde in saor con la polenta
  • 200 g di sarde già pulite e aperte a libro
  • 250 g di cipolle bianche dolci
  • 50 g di farina
  • 1 cucchiai di olio di oliva extravergine di oliva
  • 25 ml di aceto bianco di vino
  • pepe
  • olio di arachide per friggere
  • 200 g di polenta tagliata a fettine o cubetti
  • Bacalà mantecato
  • 200 g di baccalà (stoccafisso) già bagnato e deliscato
  • 80 ml di olio extra vergine di oliva
  • 1 spicchio d’aglio
Pubblicato il da

Post Author: Francesca Antonucci - Mistofra

Moglie, mamma e cuoca per passione...per regalarmi un'emozione. Da sempre mi occupo di benessere...farmacista, agente di commercio e con la testa sempre in movimento...leggo, scrivo, approfondico per imparare, per crescere. Puoi contattarmi scrivendo a mistofra@mistofrigo.it, mistofra@gmail.com, commentando i post o seguendo la pagina facebook http://www.facebook.com/Mistofrigo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*