Dieta mediterranea equilibrata con Mistofrigo.it – radicchio rosso

Dieta mediterranea equilibrata con Mistofrigo.it - radicchio rossoIl radicchio rosso è tra gli ortaggi invernali più diffusi e più preziosi. Il “rosso” non è l’unica varietà che si trova in commercio, il radicchio è anche variegato o addirittura bianco.
Spesso quando parlo di radicchio mi riferisco solo a quello rosso e in particolare tutto quello Veneto: di Treviso, Verona o Chioggia. Forse il motivo è anche che in questa regione si produce più di metà del radicchio di tutta Italia. 

Dal punto di vista nutrizionale i 3 radicchi sono del tutto analoghi perché tutti sono cicorie selvatiche. Ancora nel lontano ‘800 dalla cicoria selvatica venne selezionato il rosso di Treviso, dal quale sono state successivamente ottenute le altre varietà: il tardivo, il rosso ed il variegato di Chioggia, il rosso di Verona, il variegato di Castelfranco ed il lungo. 

Il radicchio rosso è un buon ingrediente per molte ricette, contorni ed è adatto anche ad essere impiegato come condimento per la pasta, riso o altri cereali. 

Questo ortaggio è amato e talvolta odiato per il suo caratteristico gusto amaro dovuto ai guaianolidi, molecole con funzione anti infiammatoria, vaso protettiva e coleretica, ossia efficaci promotori della produzione della bile e del reflusso della stessa. La giusta concentrazione della bile durante il processo digestivo favorisce il trasporto dei grassi.

Il radicchio rosso è anche un noto disintossicante e depurativo. Queste qualità sono dovute alle antocianine, molecole che assorbono i raggi ultravioletti e proteggono la pianta e che nel nostro organismo svolgono una funzione analoga difendendoci dai radicali liberi e dagli ossidanti, principali cause dell’invecchiamento cellulare. Il consumo di frutta e verdura del gruppo blu-viola assicura al nostro organismo la protezione degli antiossidanti.

Le foglie del radicchio rosso sono una buona fonte di sali minerali: potassio, calcio, fosforo e ferro. La naturale abbondanza di potassio e la minima presenza di sodio rendono il radicchio rosso un efficace diuretico.

Interessante è anche la concentrazione di triptofano un amminoacido noto per le sue proprietà rilassanti: in pratica un contorno di radicchio fresco facilita la digestione ed anche il riposo  😉 

Il radicchio è, ovviamente, anche un’ottima fonte di fibre alimentari, indispensabili per il benessere del nostro intestino.

Quando si mangia il radicchio? La risposta giusta è “dipende”: quello di Chioggia si raccoglie da aprile a luglio inoltrato, il Veronese precoce da ottobre a novembre ed in seguito la varietà più dolce da dicembre a febbraio. Il Trevigiano, invece, è disponibile da ottobre fino a tutto novembre come precoce, e da dicembre ad aprile nella nota varietà Tardivo. In pratica facendo attenzione alle varietà si può mangiare tutto l’anno e assicurarsi così i vantaggi delle cicorie! Il Radicchio di Chioggia, il Radicchio Rosso di Treviso, il Radicchio Rosso di Verona sono tutti prodotti IGP e ognuno di essi è promosso e valorizzato da un consorzio di tutela che vigila anche sulla produzione per la salvaguardia della tipicità e delle caratteristiche. 

 

Leggi tutto… »

Mistofrigo.it è l`unico che di ogni ricetta ti mostra anche il menu completo. Clicca qui e scegli una ricetta

Post Author: Francesca Antonucci - Mistofra

Moglie, mamma e cuoca per passione...per regalarmi un'emozione. Da sempre mi occupo di benessere...farmacista, agente di commercio e con la testa sempre in movimento...leggo, scrivo, approfondico per imparare, per crescere. Puoi contattarmi scrivendo a mistofra@mistofrigo.it, mistofra@gmail.com, commentando i post o seguendo la pagina facebook http://www.facebook.com/Mistofrigo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*